FideuramVita
Fideuram Vita / Area Clienti / Reclami
Reclami

Eventuali reclami riguardanti il servizio offerto o il rapporto contrattuale devono essere inoltrati alla Compagnia:

  • per iscritto all’indirizzo: Fideuram Vita S.p.a. - Relazioni Clienti - Via Ennio Quirino Visconti, 80 - 00193 Roma
  • via fax al n:. +39.06.3571.4509
  • mediante e-mail all’indirizzo di posta elettronica: servizioreclami@fideuramvita.it
  • compilando on line il form reclamo
Reclamo
I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Cognome * Campo obbligatorio
Nome * Campo obbligatorio
Data di Nascita *
(es. 05/02/1958)
Campo obbligatorio in formato : 05/02/1958
Indirizzo * per permetterci di contattarla Campo obbligatorio
Città * Campo obbligatorio
Provincia *
(digitare provincia oppure stato estero)
Campo obbligatorio
CAP * Campo obbligatorio di cinque cifre
Email * L'indirizzo email non è corretto.
Numero Polizza Il campo può contenere solo numeri e non può essere più lungo di 25 cifre.
Descrizione
reclamo *
Campo obbligatorio
Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla Privacy * Scelta obbligatoria senza la quale non possiamo inoltrare il suo reclamo
Acconsento al trattamento dei dati personali * Per inoltrare il reclamo presso la nostra Compagnia è obbligatoria l'esplicita accettazione al trattamento dei dati personali

Informativa sulla privacy

Ai sensi dell’articolo 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003, le forniamo le seguenti informazioni:
  1. I dati forniti per la presentazione di reclami verranno trattati dalla Compagnia per le finalità di gestione del reclamo (per verificare la sua posizione e dare esecuzione a quanto richiesto/segnalato), per fornire riscontro alla sua comunicazione e infine per le statistiche di utilizzo del servizio di gestione reclami;
  2. Il conferimento dei dati contrassegnati con l’asterisco (*) è obbligatorio e l’eventuale rifiuto a fornire tali dati potrà comportare l’impossibilità, per la Compagnia, di contattarla, ad esempio per avere chiarimenti o integrazioni, e/o l’impossibilità di inviare una risposta;
  3. Il mancato conferimento degli altri dati, non contrassegnati da asterisco, non comporta nessun problema relativamente alla possibilità di fruire del servizio;
  4. I dati non saranno oggetto di diffusione;
  5. I dati saranno trattati con modalità cartacea e informatizzata e per il tempo strettamente necessario alla gestione del reclamo;

In qualunque momento potrà esercitare i diritti di cui all’articolo 7 del Decreto legislativo n. 196/2003 scrivendo al Responsabile Area Rapporti con la Clientela pro-tempore, domiciliato presso la sede legale di Fideuram Vita S.p.A., via Ennio Quirino Visconti, 80 – cap 00193 Roma

Ulteriori informazioni in merito alle finalità ed alle modalità del trattamento dei dati personali sono presenti sul sito www.fideuramvita.it, alla sezione Privacy.


La funzione Relazioni Clienti, responsabile della gestione dei reclami, fornisce riscontro entro il termine massimo di 45 giorni dalla ricezione del reclamo.

 

Qualora l’esponente non si ritenga soddisfatto dall’esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo di 45 giorni previsto, può rivolgersi direttamente all’Autorità di Vigilanza competente in materia, allegando la documentazione relativa al reclamo trattato dalla Compagnia. In tal caso i reclami devono essere inviati a:

 

Reclami inerenti al contratto di prodotti di tipo rivalutabile (Ramo I) e FIP, Unit Linked, Index Linked e Capitalizzazione (Ramo III e V):

IVASS
Via del Quirinale, 21
00187 Roma
via fax al n.: +39.06.42.133.745 o +39.06.42.133.353
via posta elettronica all’indirizzo: ivass@pec.ivass.it

Per i reclami indirizzati all’IVASS, deve essere utilizzato il modello reperibile anche sul sito www.ivass.it, nella sezione “Come presentare un reclamo”.

 

Reclami inerenti alla trasparenza informativa di prodotti di tipo Unit Linked, Index Linked e Capitalizzazione (Ramo III e V):

CONSOB
Via G.B. Martini, 3 - 00198 Roma
telefono +39.06.84771
fax +39.06.8416703
oppure
Via Broletto, 7 - 20121 Milano
telefono +39.02.724201

 

Reclami inerenti a forme pensionistiche complementari (Fondo Pensione Aperto)

COVIP
Piazza Augusto Imperatore, 27
00186 Roma
via fax al n.: +39.06.69506.304
oppure
via e-mail, da una casella di posta elettronica certificata, all’indirizzo: protocollo@pec.covip.it.

Per ogni maggior dettaglio operativo, si rinvia all’apposita “Guida pratica alla trasmissione degli esposti alla COVIP” pubblicata sulla sezione Area Informativa del sito internet www.covip.it.

E’ comunque possibile scrivere direttamente a COVIP in situazioni di particolare gravità e urgenza, potenzialmente lesive per la collettività degli iscritti al Fondo pensione.

 

Sistemi alternativi di risoluzione delle controversie

In caso di mancato accoglimento del reclamo, prima di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria per controversie relative al rapporto contrattuale, è necessario rivolgersi ai previsti sistemi di risoluzione alternativa delle controversie (Arbitrato) nei casi in cui è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

In particolare:

  1. per controversie inerenti all’interpretazione ed esecuzione del contratto è obbligatorio avviare preventivamente, con l’assistenza necessaria di un avvocato, un Procedimento di Mediazione, come previsto da D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 (e successive modifiche), finalizzato alla conciliazione anticipata delle controversie civili e commerciali, facendo richiesta ad un Organismo di Mediazione da scegliere tra quelli indicati nell'apposito registro presso il Ministero della Giustizia

  2. per controversie di natura finanziaria fra investitore e intermediario, relative alla violazione degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza previsti nei confronti degli investitori ai sensi del TUF, è possibile presentare un ricorso all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) istituito presso la Consob ai sensi del D.Lgs. 8 ottobre 2007 n. 179, con delibera n. 19602 del 4 maggio 2016. Il ricorso può essere presentato dall’investitore personalmente o attraverso un procuratore, ovvero un’associazione rappresentativa degli interessi dei consumatori. Il ricorso per essere ricevibile deve avere per oggetto fatti o rapporti in relazione ai quali:

    • non siano pendenti altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie;
    • sia stato preventivamente presentato reclamo al quale sia stata fornita espressa risposta, ovvero siano decorsi più di sessanta giorni dalla sua presentazione senza che l’intermediario abbia comunicato all’investitore le proprie determinazioni.

Per presentare un ricorso all’Arbitro per le Controversie Finanziarie o avere maggiori informazioni sulle modalità di svolgimento della procedura è disponibile il sito: www.acf.consob.it